Successo dell’evento “My name is Barbera” nella città dei canali

Amsterdam – 25 aprile 2017Ottimo successo dell’evento nella città di Amsterdam interamente dedicato alla promozione della Barbera d’Asti: l’iniziativa organizzata dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato e dal consorzio di promozione I Vini del Piemonte ha colto nel segno!

my-name-is-barbera-amsterdam

La sala piena di operatori partecipanti alla Master Class, il grande apprezzamento per la qualità dei vini proposti e l’intensa attività avviata dopo la Master Class con gli undici produttori presenti ha dimostrato la validità dell’idea dei promotori di valorizzare il vino Barbera d’Asti DOCG presso una selezione di operatori del settore olandesi. Oltre 50 tra importatori, ristoratori e giornalisti hanno partecipato all’evento “My name is Barbera” presso l’Hotel Casa 400 di Amsterdam.

Molto apprezzata la Master Class dedicata alle tre tipologie di Barbera d’Asti (base, Superiore e Nizza) condotta da uno dei giornalisti di vino più affermati dei Paesi Bassi, nonché grande esperto (ed amico) di vini piemontesi Fred Nijhuis.

Guarda le foto dell’evento >>>

Di seguito una breve intervista con Fred Nijhuis.

Cosa pensi dei vini piemontesi?

Penso sia impossibile rispondere in modo esauriente e dare una risposta univoca a questa domanda perché ci sono molti vini e molto diversi fra loro. La meraviglia del Piemonte è la straordinaria offerta vinicola che lo rendono una delle regioni vinicole più importanti al mondo. Secondo me far scoprire ai consumatori olandesi i vini non ancora conosciuti è una sfida bellissima e dalla grandi opportunità: gli olandesi sono curiosi per natura, amano sempre scoprire “cosa c’è dietro” e “andare a fondo delle questioni”! Insomma il Piemonte nei Paesi Bassi può vendere molto di più se impara a promuovere e a valorizzare la sua diversità! Il Piemonte è ancora tutto da scoprire, io credo molto nell’identità di ogni singola varietà (senza necessariamente fare confronti) e a me personalmente entusiasma raccontare “l’altro lato del Piemonte”!

Come sono posizionati i vini piemontesi nei Paesi Bassi?

Gli olandesi conoscono molto il Barolo e il Barbaresco ma li bevono poco perché sono posizionati male: li ritengono vini “di vecchio stile”, difficili da bere e adatti soltanto a momenti molto particolari. Gli altri vini sono invece ancora troppo poco conosciuti. Ed è un vero peccato! La Barbera è conosciuta come nome ma non abbastanza come vino di eccellenza o di alta qualità, anzi ha un’immagine che certamente è da migliorare!

Cosa pensi della Barbera?

Io amo la Barbera, assolutamente è il vino piemontese che preferisco! Puoi berlo in moltissime occasioni: per un veloce lunch, per una cena importante, per una serata tra amici o per conquistare una donna! Mi piacciono i vini “freschi” e la Barbera è uno di quelli che al mondo preferisco!

Quali strategie deve adottare secondo te la Barbera per promuoversi e posizionarsi meglio nel mercato olandese?

Bisogna convincere gli opinion leader a parlarne in modo adeguato, comunicare bene la qualità che oggi ha la Barbera è fondamentale! E poi bisogna farlo assaggiare, così da fare capire che è un vino di grande eccellenza, diverso dall’immagine “vecchia” e di non alta qualità che spesso anche giornalisti e opinion leader ne hanno. Credo anche che per posizionare un vino servano azioni promozionali continuative e non spot!

Cosa pensi dell’evento di oggi? È stato utile a fini promozionali?

Sono molto felice di aver condotto la Master Class di oggi dedicata alla Barbera perché è un vino stupendo, oggi per fortuna molto diverso dal passato. L’evento è stato preziosissimo proprio perché ci ha consentito di fare dello story telling sulla Barbera, il pubblico in sala era composto da operatori molto interessati e di alto livello e i vini presentati erano di altissima qualità. Io prevedo molto successo per la Barbera nel nostro paese ma mi raccomando: insistete nella promozione!